Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Bach meets Kennedy meets Gershwin

Nell’ambito del Festival PIETRASANTA IN CONCERTO – Direzione Artistica Michael Guttman

Il destino ha elevato Nigel Kennedy all’olimpo dei veri grandi della musica classica.

Nato in una famiglia dedita alla musica, è cresciuto in una comunità musicale ed è stato spinto nel firmamento delle grandi stelle internazionali.

Kennedy rimane il violinista più venduto di tutti i tempi. Ha aperto la strada a una nuova generazione di artisti, che hanno avuto successo sia nel campo classico che nel mainstream. Il suo virtuosismo, il talento unico e l’attrattiva che esercita sulle masse hanno aperto nuove prospettive per il repertorio sia classico che contemporaneo.

Oltrepassando i confini che potrebbero ingabbiare altri artisti, ha continuato a sperimentare nuovi suoni e nuovi metodi di esecuzione.

Determinato, caparbio e unico nel suo genere, Kennedy esplora un repertorio che spazia tra classico, jazz, klezmer, rock e molto altro ancora.

Sua madre gli compra un violino da giovane, dopo averlo precedentemente incoraggiato a imparare il piano. L’insegnante di violino di Kennedy ha la lungimiranza di rendere divertente l’apprendimento, chiedendo al ragazzo non più di cinque minuti di pratica e poi ricompensandolo con dei dolci.

Kennedy brillava, e all’età di sette anni fu notato dal grande Yehudi Menuhin, che gli offrì una borsa di studio alla Yehudi Menuhin School e accettò di pagare tutte le sue tasse. Kennedy eccelleva e continuò a studiare alla Juilliard School, a New York, con Dorothy DeLay.

Il suo approccio non convenzionale all’esecuzione, tuttavia, aveva già messo radici. Si è opposto con tutte le forze alla conformità inutile che veniva cercata in altri giovani, e in certe occasioni si sarebbe tolto giacca e cravatta mentre era sul palco, con grande gioia del pubblico.

«Questo mi ha dato una connessione diretta con la gente nei teatri», ha detto. «Si sono resi conto che ero uguale a loro. Questo ha reso le prestazioni più emozionanti»

Etichettare Kennedy come un semplice anticonformista, tuttavia, non gli rende pienamente giustizia. È uno dei grandi virtuosi, un talento irresistibile la cui forte etica lavorativa e tendenze perfezioniste lo spingono costantemente verso vette sempre più alte. Iniziando ogni giornata con tre ore di pratica, Kennedy continua a migliorare man mano che la sua carriera prosegue.

Non è solo nel mondo della musica classica che Kennedy ha lasciato il segno. Come è noto, ha reinventato il lavoro di Jimi Hendrix, essendogli stato chiesto dalla tenuta del grande chitarrista rock di incidere un tributo a questa icona del blues. A questo ha fatto seguito l’innovativa registrazione The Kennedy Experience, nonché la presentazione di registrazioni estemporanee basate su composizioni di Hendrix.

L’attività di Kennedy nel mondo del rock ha portato a collaborazioni con numerosi altri artisti. Tra coloro che hanno lavorato con lui, Sir Paul McCartney, Kate Bush, The Who, il cantante dei Led Zeppelin Robert Plant, e molti altri.

«Ho imparato tanto dal lavorare con questi tipi», ha aggiunto. «Macca è un geniale musicista, talentuoso e autore di grandi melodie, Planty è una vera leggenda del rock, Kate si è sempre spinta oltre dando il 200%, e Daltry e Townsend hanno cambiato il corso della musica»

Kennedy è un uomo del popolo, che ha reso popolare il mondo a volte soffocante della musica classica con un tocco umano. Il suo amore per l’Aston Villa Football Club, ad esempio, ha contribuito ad abbattere alcune barriere.

Quando il suo club vinse la Coppa dei Campioni a Rotterdam nel 1982, Kennedy si stava esibendo in un concerto in Germania. Ha interrotto il concerto ed eretto uno schermo gigante, in modo che lui e il pubblico, prima di continuare il concerto, potessero assistere alla partita. «Era il risultato giusto quella sera», ha detto. «E il pubblico ha apprezzato sia la musica che il calcio»

La sua umanità è stata anche evidente nel suo lavoro di attivista. Ha lottato duramente per aiutare i meno abbienti e gli svantaggiati, facendo sentire la propria voce contro l’oppressione delle minoranze e quella di coloro le cui voci, altrimenti, non verrebbero ascoltate.

Suonare, tuttavia, non è che una parte delle attività di Kennedy. È un direttore musicale esperto, che non solo ha fondato la sua orchestra, l’Orchestra of Life, il versatile collettivo paneuropeo di dinamici musicisti polacchi e britannici, ma ha anche guidato per anni l’Orchestra da Camera Polacca. Sotto la sua guida, entrambi gli ensemble hanno inciso e partecipato a tournée in lungo e in largo. Kennedy, inoltre, è regolarmente il curatore di vari festival, e ha messo insieme un certo numero di complessi, suonando con loro in formazioni di vario tipo e rivelandosi un leader sofisticato.

Interprete davvero internazionale, Kennedy divide il suo tempo tra l’Inghilterra e la Polonia, dove vive con sua moglie, Agnieszka. Hanno collaborato a una parte della sua ultima pubblicazione, My World, che include la musica scritta per accompagnare una nuova versione di Tre Sorelle di Čechov. La commedia è stata tradotta dall’originale russo dalla moglie di Kennedy, e messa in musica dal grande violinista.

My World offre anche tributi a cinque dei musicisti e mentori che più si sono rivelati decisivi nella vita di Kennedy.

Icone come Yehudi Menuhin e Stephane Grappelli sono state d’ispirazione nel trasformare Kennedy in una superstar globale, e non sono stati gli unici. Lo sviluppo di Kennedy nella musica si deve anche al grande Isaac Stern, nonché alle collaborazioni creative con il brillante chitarrista jazz polacco Jarek Smietana e il formidabile strumentista americano Mark O’Connor. Rende omaggio alla loro profonda influenza in composizioni autografe che mostrano sia le sue notevoli capacità di interprete che il suo immenso talento come compositore. Per usare le parole di Nigel, «Volevo trovare un modo musicale per dire “grazie»

I prossimi anni per Kennedy sono fitti di impegni. Sono previsti numerosi concerti e progetti, e contemporaneamente l’artista continua a sviluppare un suono che incontra il favore di milioni di persone.

Come scrittore, performer, band leader e musicista, è deciso a continuare a migliorare, e contemporaneamente a oltrepassare i confini stabiliti e aprirsi nuovi orizzonti.

«A volte paragono la musica alle competizioni sportive. Vedi i grandi sportivi, e vedi che cercano continuamente di migliorarsi. Anche quando arrivano al primo posto, non sono mai soddisfatti, vogliono fare di più. Bene, anch’io. C’è molto altro che posso fare. Sono molto emozionato per il futuro» 

Kennedy ha vinto i BRIT Awards, gli ECHO e i Bambi Awards in Germania, molteplici nomination ai Grammy e altri premi in tutto il mondo. Ha eseguito e inciso musica dall’epoca barocca fino ai giorni nostri. Molti dei suoi album sono pubblicati da Platinum e Gold, il suo album più recente My World ha appena raggiunto la vetta delle classifiche per la musica classica del Regno Unito.

Un vero originale, la cui carriera è in costante ascesa. E questa sarà musica per le orecchie dei suoi molti fan.

luglio 27 2018

Dettagli

Data: luglio 27
Ora: 21:30 - 23:00
Costo: €17.25 - €51.75
Evento Categories:
Evento Tags:
Website: Visit Event Website

Luogo

Teatro grande – La Versiliana

Viale Morin n. 16
Marina di Pietrasanta, Lucca 55045 Italia

+ Google Maps

Telefono:

0584265757

Dettaglio prezzo biglietti
Poltronissima: € 51,75
Poltrona I Settore: € 34,50
Poltrona II Settore A: € 17,25
Poltrona II Settore B: € 17,25
Tribuna Intero: € 17,25

Pin It on Pinterest

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi